Pseudotumore infiammatorio

Lo pseudotumore infiammatorio orbitario può colpire alcune o tutte le strutture all’interno dell’orbita. La risposta infiammatoria 
può essere aspecifica, granulomatosa o vasculitica, o dovuta a iperplasia linfoide reattiva. L’infiammazione può far parte di una 
sottostante patologia medica o può essere isolata. Possono esserne colpiti pazienti di ogni età. Il processo può essere acuto o cronico e può recidivare. 
La sintomatologia dello pseudotumore infiammatorio orbitario tipicamente comprende un’insorgenza improvvisa di dolore insieme a tumefazione ed eritema delle palpebre. Sono anche possibili proptosi, diplopia e perdita della vista. Nei casi di 
iperplasia linfoide reattiva o malattia orbitale IgG4-correlata, in genere ci sono alcuni altri sintomi rispetto alla proptosi o al gonfiore. 
Risultati simili si verificano con pseudotumore orbitale infiammatorio e infezione orbitale, ma non vi è alcuna storia di traumi o focolai adiacenti di infezione (per esempio sinusite) con pseudotumore orbitale infiammatorio. 
È necessario eseguire uno studio di neuroimaging con TC o RM. Per condizioni croniche o recidivanti, si può effettuare una biopsia per rilevare prove di una sottostante patologia medica.

Il trattamento per lo pseudotumore orbitario infiammatorio dipende dal tipo di risposta infiammatoria e può comprendere 
corticosteroidi orali, radioterapia e uno dei molti farmaci immunomodulanti. Nei casi difficili di pseudotumore orbitario infiammatorio, in particolare quelli con infiammazione granulomatosa, si sono verificati alcuni successi iniziali con anticorpi monoclonali contro tumor necrosis factor (TNF)-alfa o con deplezione dei linfociti con rituximab, se l’infiammazione è 
principalmente vasculite.

Presso il nostro studio, Oculistica Tedesco, in provincia di Catanzaro, effettuiamo tutti gli esami clinici e i relativi trattamenti e cure.
ℹ️ Contattaci per maggiori info  
☎️ 0968 19 64 219 🌐 www.oculisticatedesco.it